SCHEDE INCONTRI MENSILI

GIUGNO 2019

La scheda del mese di giugno offre un approfondimento sulla missionarietà della Milizia dell’Immacolata. “L’odio divide – scrive san Massimiliano Kolbe – separa e distrugge, mentre al contrario l’amore unisce, dà pace ed edifica”(SK 1205). Con queste parole P. Kolbe descrive la missione del milite come una missione d’amore e di maternità. E’ la stessa missione della Chiesa: generare tutti gli uomini alla vita di Dio.

“Andate dunque – afferma Gesù nel suo mandato missionario ai discepoli – e ammaestrate tutte le nazioni”(Mt 28,19). La missione nelle parole di Gesù si mostra come cammino naturale del discepolo fedele. Si può anche affermare che in un certo senso è il costituirsi della Chiesa: comunità di discepoli e missionari del Cristo Risorto.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA GIUGNO 2019

 


MAGGIO 2019

Il milite nella scheda di maggio è invitato ad approfondire l’adesione di Maria al progetto del Padre per la redenzione di tutta l’umanità. La risposta della Vergine esprime una disponibilità e una donazione totali di se stessa all’invito di Dio. Anche il milite offre tutto se stesso all’Immacolata per la conquista di tutti i cuori a Cristo salvatore.

San Massimiliano Kolbe vedeva nella consacrazione-affidamento all’Immacolata un sostegno per una donazione totale a Dio. Lasciarsi guidare dall’Immacolata, affidarsi a Lei senza alcuna limitazione e rivolgersi a Lei, come un bambino alla mamma. “Anche tu – scrive Papa Francesco – hai bisogno di concepire la totalità della tua vita come una missione”(Ge 23).
Prova a farlo approfondendo il “sì” di Maria e ascoltando Dio nella preghiera.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA MAGGIO 2019

 


APRILE 2019

La Chiesa, oggi più che mai, deve testimoniare la novità della Pasqua del Signore. Anche la Milizia dell’Immacolata è impegnata in questa testimonianza.

San Massimiliano Kolbe ha fatto di tutta la sua vita un dono pasquale, sia quando pregava, sia quando scriveva un articolo; sia quando era presso una rotativa per stampare una rivista, sia quando era nel campo di concentramento. Ad Auschzit, come si può leggere nella scheda, “lui, come Cristo, si è svuotato di se stesso, ha dato la vita per un’altra persona e ha dato vita anche a coloro, che erano lì vicino a lui. Lui aveva con sè i canti primaverili del convento e ha saputo sussurarli nel bunker per essere segno eloquente della risurrezione di Gesù dando speranza ai condannati”.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA APRILE 2019

 


MARZO 2019

Alle volte può sembrare che nel Vangelo di Matteo sia esaltata la figura di Pietro. Ma, in verità, il Vangelo presenta la solidità della fede di una persona che ha incontrato in Gesù “il messia, il Figlio del Dio vivo” (Mt 18,16). Pietro non rappresenta un uomo che ha ricevuto dei poteri e chiavi d’oro dalle mani di Gesù. Ma è un pescatore che ha ricevuto una missione ed è diventato “pescatore di uomini”, e, per la sua fede, ha ricevuto anche il segno delle chiavi che rivelano il legame con il Regno di Dio. La fede di Pietro non è ripetizione di formule, ma una rivelazione della sua esperienza con Gesù. Pietro non credeva solamente che Gesù è anche Dio, ma vedeva tutta la missione realizzata da Gesù riconoscendolo come il figlio inviato.

San Massimiliano Kolbe, figlio della sua epoca, nutriva un grande amore verso il Papa e lo difendeva contro i diversi attacchi che soffriva. Lo spartiacque della sua azione è stato quello di fondare la Milizia dell’Immacolata dopo aver visto gli attacchi contro il Papa, nella piazza di San Pietro, nel 1917. In quel periodo, c’erano molte pubblicazioni contro la Chiesa distribuite nelle stazioni dei treni e diffuse nelle università. Per combattere questi oppositori della Chiesa, Padre Kolbe si è impegnato con pubblicazioni capaci di entrare soprattutto in questi ambienti e nelle famiglie.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA MARZO 2019

 


FEBBRAIO 2019

Nel 1917 fra Massimiliano annotava in un semplice foglietto le finalità che ogni milite doveva fare proprie: “la totale offerta di se stesso all’Immacolata, con uno spirito di fattiva e docile collaborazione per la salvezza di quante più persone possibile, specialmente quelle che si sono allontanate dalla fede e che la combattono.

L’intenzione del mese di febbraio sottolinea la necessità di una preghiera incessante a sostegno dell’attività dei missionari. La scheda si conclude con una bella immagine di mani che si intrecciano. “Le mani che si aprono verso gli altri nella missione si uniscono alle mani che si elevano in preghiera nel cuore di Dio, il Signore della messe, il Padre nostro”.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA FEBBRAIO 2019

 


GENNAIO 2019

Essere portatori con Maria di pace e di speranza. Quale stupensa missione per il milite! Con la scheda di gennaio vogliamo scambiarci l’augurio di superare con l’Immacolata tutte le sfide della vita, diventando portatori di buone notizie.  “Carissimi Figli, – scrive P.

Kolbe – come desidererei dirvi, ripetervi quanto è buona l’Immacolata, per poter allontanare per sempre dai vostri piccoli cuori la tristezza, l’abbattimento interiore e lo scoraggiamento” (SK 509). La Vergine Maria, se invocata con fiducia e costanza, è più che un rifugio per le persone che soffrono. Con amorevole protezione ella porta nei cuori turbati la luce e la speranza.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA GENNAIO 2019

 


DICEMBRE 2018

Nella scheda, a conclusione dell’anno, viene illustrata una verità che qualifica l’azione del milite: irradiare la maternità di Maria nel mondo attraverso la rivoluzione della tenerezza, di cui tanto ci parla Papa Francesco. In questa rivoluzione la Milizia dell’Immacolata deve essere spazio accogliente per gli uomini e le donne di ogni razza, credo, età e nazionalità, allo scopo di ricondurre tutto a Cristo.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA DICEMBRE 2018

 


NOVEMBRE 2018

La scheda del mese di novembre parla di santità come vocazione umana.

Padre Kolbe, in particolare, non parla al plurale, quando pensa alla santità, ma al singolare, cioè esorta se stesso alla santità. “Devo essere santo, quanto più grande possibile” (SK 971). Evidentemente è ben consapevole della responsabilità personale per quanto riguarda l’adesione a Dio, di fronte al mondo e alla Chiesa. Essere santi perciò significa essere se stessi e realizzare con Maria Immacolata la propria missione nel quotidiano, costruendola nell’ottica dell’amore.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA NOVEMBRE 2018

 


OTTOBRE 2018

Nel mese di ottobre Padre Kolbe ci ricorda come la preghiera sia un mezzo sconosciuto, e, tuttavia, il più efficace per ristabilire la pace nelle anime, per dare ad esse la felicità, poichè serve per avvicinarle all’amore di Dio (Cf. SK 903).

Diceva San Massimiliano Kolbe, entrato nella storia del ‘900 convertendo l’odio con l’amore e con la carità: “la preghiera fa rinascere il mondo. La preghiera è la condizione indispensabile per la rigenerazione e la vita di ogni anima”.

Dunque la domanda è: come cambia la mia vita personale, la vita della mia comunità, la vita del nostro movimento, la vita del mondo, attraverso la preghiera? È una domanda da porsi. Altrimenti rischiamo che diventi o sia solo la parte “spirituale” della nostra esistenza, che però non incide sull’atteggiamento e di conseguenza sull’operato e quindi che, come tale, non abbia assolutamente senso.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA OTTOBRE 2018

 


SETTEMBRE 2018

Perché, con la creatività di Kolbe, trasmettiamo ovunque la forza del Vangelo.

Alcuni perciò Dio li ha posti nella Chiesa in primo luogo come apostoli, in secondo luogo come profeti, in terzo luogo come maestri; poi vengono i miracoli, poi i doni di far guarigioni, i doni di assistenza, di governare, delle lingue. Sono forse tutti apostoli? Tutti profeti? Tutti maestri? Tutti operatori di miracoli? Tutti possiedono doni di far guarigioni? Tutti parlano lingue? Tutti le interpretano? Aspirate ai carismi più grandi! E io vi mostrerò una via migliore di tutte. (1 Cor 12,28-31)

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA SETTEMBRE 2018

 


AGOSTO 2018

Perché, sull’esempio di S. Massimiliano, regni in ogni cuore il desiderio di dare tutto per Cristo.
Un tale si avvicinò a Gesù e gli disse: «Maestro, che devo fare di buono per avere la vita eterna?» Gesù gli disse: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi ciò che hai e dàllo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli; poi, vieni e seguimi». Ma il giovane, udita questa parola, se ne andò rattristato, perché aveva molti beni. (Mt 19,16.21-22).

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA AGOSTO 2018

 


LUGLIO 2018

Perché chi si ispira a S. Massimiliano “semini” ovunque l’amore creativo che egli ha donato.

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante. Se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza e avessi tutta la fede in modo da spostare le montagne, ma non avessi la carità, non sarei nulla. Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri, se dessi il mio corpo per essere arso, e non avessi la carità, non mi gioverebbe a nulla. (1Cor. 13, 1-3)
Sembra scontato ricordarci oggi quello che intendeva san Massimiliano quando diceva che “solo l’amore crea”. Eppure sono proprio le parole più scontate ed usate, sulle quali alle volte vale la pensa soffermarci, per comprenderne il senso, quello nuovo, quello per l’oggi.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA LUGLIO 2018

 


GIUGNO 2018

Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno» (Mc 16,15-18).

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA GIUGNO 2018

 


MAGGIO 2018

 La Vergine Maria, con il suo “eccomi”, cammina davanti a noi, dicedndoci cosa significa seguire il Signore e portare il Vangelo a tutti i popoli. Il milite nel seguire Gesù, ci ricorda San Massimiliano Kolbe, deve distinguersi per la sua totale donazione all’Immacolata e per un costante e continuo rinnegamento di se stesso (Cf. SK 962). Al Signore, in altre parole, non si chiede il sigillo a una propria programmazione, ma una spinta. Per questo il “sì” allo Spirito, come quello di Maria, potrebbe essere la risposta di ogni apostolo, chiamato dal Signore, per la realizzazione del suo Regno.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA MAGGIO 2018

 


APRILE 2018

L’intenzione di preghiera del mese di aprile sottolinea come l’evangelizzazione trovi nella comunione il suo centro e la sua forza. Con l’esempio e la parola Padre Kolbe invita tutti i militi a sperimentare  nelle iniziative apostoliche  la forza della comunione fraterna. Perciò non c’è spirito missionario se non c’è vera comunione.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA APRILE 2018

 


MARZO 2018

La milizia dell’Immacolata, nella scheda di marzo, viene descritta come una famiglia, dove regnano amore e gioia. Un amore, che domanda impegno e sacrificio totali e una gioia, che è autentica, quando diventa luce contagiosa, che sgorga da un cuoire puro e rinnovato dallo Spirito.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA MARZO 2018

 


FEBBRAIO 2018

La scheda di febbraio presenta la sfida dell’evangelizzazione,come è stata vissuta da san Massimiliano Kolbe: donando cioè la propria vita con amore (“Solo l’amore crea!”) e come viene riproposta da Papa Francesco nell’Evangelii Gaudium (“Evangelizzatori con Spirito!”).

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA FEBBRAIO 2018

 


GENNAIO 2018

Con questa scheda comprendiamo quanto le dimensioni di fraternità e di unità appartengano all’essenza della Milizia dell’Immacolata. San Massimiliano volle che la M.I. fosse una visione  globale di vita cattolica e una testimonianza credibile d’amore e di condivisione.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA GENNAIO 2018

 


DICEMBRE 2017

Ascolto, obbedienza, affidamento: sono le perle preziose di un progetto più ampio che san Massimiliano consegna a tutti noi. Ogni milite attraverso la propria donazione totale e incondizionata all’Immacolata è chiamato a sperimentare la gioia dell’adesione profonda al progetto di Dio.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA DICEMBRE 2017

 


NOVEMBRE 2017

Per coloro che vi aderiscono pienamente, la M.I. diventa una scuola di santità. Santo non è colui che opera cose straordinarie, ma colui che si affida totalmente all’Altissimo. In P. Kolbe si può evidenziare un vivo desiderio,  secondo la spiritualità francescana, di conformarsi in Cristo.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA NOVEMBRE 2017

 


OTTOBRE 2017

 La M.I. si caratterizza per un forte dinamismo missionario: conquistare tutti gli uomini all’amore di Dio. L’Immacolata per san Massimiliano Kolbe è il punto di riferimento della sua missione. Egli diceva spesso: “Lasciamoci condurre dall’Immacolata”.

download-pdfSCARICA SCHEDA FORMATIVA OTTOBRE 2017